Elysium

Di Quirino Scaramastra

Qualche giorno fa ho visto Elysium , racconta la vita ambientandola nel 2154 e la dipinge con una popolazione mondiale divisa in due grandi classi sociali , una più ampia costituita da poveri e diseredati che vive sulla terra , ed un elite che vive su una stazione spaziale avveniristica che orbita intorno alla terra.

La classe privilegiata ha a disposizione cibo acqua e cure rivoluzionarie impone leggi restrittive sull’immigrazione per evitare che gli abitanti della terra possano andare sulla stazione spaziale e contendere tecnologie e risorse.

Questo scenario è agghiacciante ma come spesso accade alla fantascienza non è escluso che possa concretizzarsi entro 50 anni. La storia recente ci ha insegnato che il progresso tecnologico cresce in modo esponenziale nel contempo purtroppo dobbiamo registrare anche l’aumento della disuguaglianza sociale .

Se ci atteniamo a Average is Over e quello che scrive Tyler Cowen non è solo uno scenario possibile ma molto probabile ,

secondo Tyler dagli anni 80 è in atto una trasformazione a mezzo soprattutto delle nuove tecnologie , questo mutamento sta raggruppando la popolazione sostanzialmente in due insiemi il primo che riguarda le persone con un cultura medio alta in grado di utilizzare le macchine ( hardware, software , robot ) e dall’altro quella forza lavoro che viene rimpiazzata sistematicamente dalle macchine che automatizzano anche processi che si credevano isolati dalla tecnologia fino a non molto tempo fa. In questi ultimi 20 anni abbiamo potuto assistere alla sostituzione di molti compiti manuali ormai delegati alle macchine , nel tempo la tecnologia a progredito ed oggi è in grado di sostituire non solo forza lavoro che era impiegata in attività di tipo manuale ma anche mansioni di concetto , quindi anche molte professioni e funzioni impiegatizie possono essere sostituite da software e processi automatizzati.

In questo modo uno scenario di ridistribuzione delle ricchezze si spegne , si spengono le speranze di molti che già oggi sono e si trovano in situazione di competizione professionale con le macchine per Tyler è solo una questione di tempo affinché questi vengano battuti e sostituiti divenendo successivamente non più occupabili.

Questa predizione racconta di un mondo futuro dove l’istruzione on-line sarà disponibile e fruìbile da tutti gratuitamente o quasi , in questo modo i migliori , quelli che raccolgono più meriti e che meglio raggiungono la padronanza degli strumenti acquisiranno sempre più successi e potranno aumentare continuamente i propri salari.

Questo gruppoè quantificato in un 15% circa della popolazione totale , il resto cioè l’85% sarà destinato a vedere peggiorare progressivamente la propria condizione economica essendo di fatto estromessi per mancanza di competenze dalle mansioni più redditizie ed essendo in gran parte estromessi da tutte quelle mansioni manuali semi-manuali e di basso concetto.

Nel libro si da un grosso valore anche alla meritocrazia , un modo governato da processi automatizzati è in grado di segnalare subito comparti dove vengono registrate perdite di performance , sarà possibile verificare in maniera più puntuale che molti non valgono il proprio salario e per questo saranno estromessi dalle loro mansioni e molti altri con più meriti potranno essere inseriti .

Pensando allo scenario che potrebbe verificarsi in Italia patria delle raccomandazioni e del demerito questo potrebbe rappresentare per molti l’inferno sulla terra.

Chissà quei trogloditi che parlano di terrunche inneggiano contro gli extracomunitari che gli rubano il lavoro , quando a rubarglielo sarà un bel robot fabbricato in brianza che faranno…. sono molto curioso.

L’altro discorso importante da fare e appunto quello relativo all’occupazione come abbiamo già avuto modo di accennare in precedenza questi processi prima di out-sourcing poi di automazione hanno fatto sviluppare grandi aziende come apple , google , Facebook in grado di produrre utili mostruosi di riflesso però la forza lavoro impiegata per produrre quei capitali e molto ridotta se pensiamo in rapporto all’industria tradizionale.

Sicuramente i primi sintomi con la livellazione dei salari verso il basso e la perdita di occupazione soprattutto in alcuni comparti specifici non è solo ascrivibile alla crisi ma ad un trend che fonda le basi per il futuro di Elysium , il futuro di un umanità sempre meno umanadove molti verranno lasciati indietro , dovemagari molti servizi di intrattenimento potranno essere gratuiti come uno stupefacente per ammansire le masse , tutti i servizi sociali saranno declassati , prospererà un edilizia a basso costo prolifereranno praticamente le bidonvilles , la popolazione sarà perlopiù composta di anziani.

Sembra che per sopravvivere a questo catastrofico e non del tutto fantascientifico scenario bisogna acquisire competenze e cercare di rientrare in quel 15% e per farlo siamo in competizione globale.

Quirino Scaramastra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...